Caso Tari, il parere dell’esperto conferma la tesi di Confcommercio

Caso Tari, il parere dell’esperto conferma la tesi di Confcommercio

Settembre 13, 2019 0 Di Redazione

In anteprima siamo riusciti ad avere la conferma del parere chiesto dall’amministrazione comunale di Melegnano, al professor Nicola Sartori, esperto di diritto tributario dell’università degli studi di Milano per risolvere il “caos Tari” riferito alle utenze non domestiche, protocollato in data 11 settembre 2019. Problema che tiene ormai banco da molti mesi in città, preoccupando esercenti e associazioni di categoria, che si sono ritrovati con avvisi di pagamento in alcuni casi di centinaia di migliaia di euro. Si tratta, va detto, di un parere non vincolante, che dovrà essere eventualmente approvato dal consiglio comunale, ma nel quale si evidenzia che, dopo attenta analisi, il regolamento del Comune di Melegnano va interpretato nel senso che alle utenze non domestiche deve applicarsi la tariffa differenziata, idonea a coprire i costi del servizio di gestione dei rifiuti, e non debba essere applicata una tariffa unica, che invece genera un gettito superiore a quello necessario alla copertura dei costi. In quest’ultimo caso, sarebbe dunque necessario apportare modifiche sostanziali al regolamento e tali modifiche non potrebbero avere valore retroattivo. Detto in soldoni, il parere del professor Sartori sembra dunque confermare la tesi dei commercianti, sostenuti da Confcommercio che si è sempre battuta per questa linea e se venisse approvato consentirebbe a chi ha già pagato di poter chiedere eventuali rimborsi. Dai vertici dell’associazione di categoria melegnanese per ora nessun commento: <Faremo le nostre considerazioni – fanno sapere da Confocommercio – dopo i passaggi e gli atti istituzionali>. Resta ora da capire come la questione verrà affrontata dal consiglio comunale per trovare un punto d’intesa che finora è sempre mancato 

Andrea Grassani – Elisa Barchetta

Condividi