Il sindaco Rodolfo Bertoli risponde nel merito al comunicato di Confcommercio

Il sindaco Rodolfo Bertoli risponde nel merito al comunicato di Confcommercio

Ottobre 1, 2019 0 Di Redazione

Nella sua dichiarazione anche un chiarimento sulle bollette

Dopo il comunicato stampa di Confcommercio sull’infinita questione Tari, il sindaco di Melegnano Rodolfo Bertoli ha rilasciato una dichiarazione nella serata di lunedì 30 settembre 2019, facendo alcune precisazioni in merito anche alle bollette, che rispondono anche alle questioni emerse la sera stessa in consiglio comunale: «La mia amministrazione ha fatto molto per affrontare il problema Tari in modo completo e risolutivo. Il sottoscritto nel mese di maggio ha inviato una lettera in cui chiedeva al consiglio comunale di valutare l’ipotesi di approvare una delibera che desse l’interpretazione autentica del regolamento Tari e Tares nel senso dell’applicazione della tariffa differenziata (e non della tariffa unica come interpretato dal 2013). Sulla base del suddetto documento (e sottolineo che niente di simile è mai stato presentato né dalle categorie sociali né dalle opposizioni), il consiglio comunale approvò la delibera col voto della sola maggioranza, dando mandato di individuare un consulente per valutare la percorribilità dell’ipotesi fatta dal sindaco senza dover modificare prima il regolamento. Dopo aver richiesto la manifestazione di interesse a cinque università lombarde, gli uffici hanno assegnato l’incarico di consulenza all’università Bicocca – giudizio stilato dal professor Sartori, tributarista – che circa il 10 settembre ha consegnato il parere richiesto. Quest’ultimo accoglie pienamente l’ipotesi del sindaco e su tale base il consiglio comunale andrà ad esprimersi in merito all’interpretazione autentica con tariffa differenziata che, se approvata, verrà applicata in modo retroattivo sugli accertamenti emessi e sulla bollettazione delle utenze non domestiche. Sottolineo che i lavori del consiglio comunale vengono programmati dall’assemblea dei capigruppo, che nei consigli comunali già programmati non hanno ancora inserito il punto all’ordine del giorno, ma conto che ciò venga fatto a breve previo passaggio in commissione bilancio e alla presenza del consulente». Per quanto riguarda poi le bollette, il sindaco Bertoli ha specificato: «Per rispettare le scadenze delle bollettazioni Tari per le utenze non domestiche, fissate dal consiglio comunale al 30 settembre 2019, le bollette verranno emesse – in conformità agli indirizzi consiliari – in quattro rate, ciascuna del 25% della bolletta calcolata con la tariffa unica, per poi venire eventualmente riemesse conguagliate alla tariffa differenziata qualora e quando il consiglio comunale approverà l’interpretazione autentica. Devo inoltre precisare che c’è stato un tentativo di mettere all’ordine del giorno del consiglio comunale del 30 settembre 2019 un’ulteriore proroga della scadenza della prima rata, ma i capigruppo delle opposizioni (eccetto la consigliera Rossi) non hanno risposto al presidente del consiglio comunale Possenti».

Condividi