Un tavolo comune per affrontare in modo sinergico il problema della prostituzione

Un tavolo comune per affrontare in modo sinergico il problema della prostituzione

Ottobre 2, 2019 0 Di Redazione

Coinvolti tutti i comuni del Sud-Est Milano per un approccio innovativo

Si è tenuto nella serata di martedì 1 ottobre 2019 presso la sala consiliare del Comune di Colturano un primo incontro tra i comuni di Carpiano, Mediglia Pantigliate e Tribiano al fine di costituire un tavolo comune per una seria ed efficace lotta alla prostituzione, di cui l’amministrazione comunale di Colturano si è fatta promotrice. Invitati al tavolo di confronto anche i comuni di Casalmaiocco, Cerro al Lambro, Melegnano, Dresano, San Donato Milanese, San Giuliano Milanese, San Zenone al Lambro e Vizzolo Predabissi che, però, non sono potuti intervenire per motivi istituzionali.

L’idea di fondo è quella di un coordinamento nell’approccio, nella gestione e nella risoluzione del problema fra i diversi comuni del Sud-Est Milano e il primo incontro interlocutorio ha visto un proattivo contributo dei partecipanti, gettando di fatto le basi per un percorso comune.

Fabrizio Villanacci, vicesindaco di Colturano e fautore di questo approccio innovativo al problema, raggiunto telefonicamente si dichiara molto soddisfatto: «Sono contento e fiero di questo primo incontro, perché si tratta di un tema condiviso e trasversale a tutti a prescindere dalle appartenenze di partito. Certo i Comuni che hanno partecipato al tavolo sono un po’ disillusi perché hanno provato in molti modi ad affrontare la questione che certamente è complessa. Ma sono felice che ci sia un interesse concreto e che si possa lavorare in maniera sinergica per trovare una soluzione condivisa che non sia centrata solo sugli aspetti connessi ai reati stradali, ma che riguardi gli enti locali e anche l’Agenzia delle entrate, le Forze dell’Ordine (carabinieri, guardia di finanza e polizia stradale o di Stato) e le parti sociali come le associazioni (un esempio è la onlus Lule). Il percorso adesso prevederà la condivisione di alcune informazioni e, ritengo, approfondiremo poi la questione con incontri periodici mensili per valutare le proposte e arrivare a un cammino comune».

Elisa Barchetta

Condividi