Melegnano, la Lega si rivolge ai ministri Lamorgese e Guerini per la sicurezza

Melegnano, la Lega si rivolge ai ministri Lamorgese e Guerini per la sicurezza

Luglio 19, 2021 0 Di Redazione

Arriva fino a Roma, in parlamento ai ministri Lamorgese e Guerini il tema della sicurezza a Melegnano, dopo che la Lega, con l’ausilio dei suoi parlamentari chiede maggiori risorse, videosorveglianza e il ritorno dell’Esercito in città

 

In una nota gli Onorevoli della Lega, Jari Colla e Luca Toccalini con il il referente Lega Sudest Milano, Cristiano Vailati presentano un’interrogazione parlamentare sul tema della sicurezza a Melegnano. Ecco il testo:

È ormai sempre più evidente che sul tema della sicurezza, la situazione sia totalmente sfuggita di mano all’amministrazione targata Partito democratico, al sindaco Bertoli e all’assessore alla sicurezza, che tale non sembra essere. Sono infatti decine gli episodi di criminalità, risse, aggressioni, furti e atti di vandalismo avvenuti negli ultimi mesi e che continuano a ripetersi, come l’ennesima effrazione in un locale nella periferia nord, in zona Montorfano o la rissa avvenuta in pieno centro nella nottata di venerdì 16 luglio. Abbiamo dovuto assistere in pieno centro a maxi risse tra ragazzini, una trentina di giovani inveire contro una pattuglia dei carabinieri fino all’episodio del 1 luglio dove un giovane, palesemente in stato di alterazione vagava in piazza Vittoria armato di un coltello. Siamo ostaggio di un’amministrazione che continua a non dare risposte a cittadini e commercianti. Ostaggio di un sindaco che nemmeno si presenta alla riunione sulla sicurezza tenutasi nel marzo di quest’anno con i sindaci del sud est Milanese e il comandante dei carabinieri della Compagnia di San Donato Milanese, Capitano Luca Ciravegna, in cui si era parlato della necessità di una sempre maggiore azione sinergica tra le forze di polizia.

Un’amministrazione che proprio pochi giorni fa ha deciso di non partecipare ad una splendida iniziativa sul tema sicurezza; strade, criminalità e ordine pubblico che vedrà nel sud Milanese controlli extra della polizia locale e che avrà come capofila il comune di San Giuliano Milanese e la partecipazione dei comuni di Mediglia, Locate, Pantigliate, Carpiano, Settala, Opera, San Donato e Peschiera. Davanti a questa totale incapacità del Partito democratico di garantire un minimo di sicurezza, come Lega ci siamo sentiti in dovere di intervenire per tutelare i cittadini di Melegnano, i commercianti e anche chi arriva a Melegnano dai comuni limitrofi per passare una piacevole serata tra amici o con la propria famiglia nei tanti locali della città. Da qui nasce la nostra interrogazione parlamentare rivolta al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e al ministro della Difesa Lorenzo Guerini per chiedere e sollecitare per la città di Melegnano maggiori risorse per il potenziamento degli organici delle forze dell’ordine e maggiori strumenti a loro disposizione per consentire un’azione più efficace di contrasto alla criminalità, per estendere la rete dei sistemi di sicurezza e di video sorveglianza, fino ad arrivare al ritorno delle pattuglie dell’Esercito in città, che già nel 2012 avevano ottenuto ottimi risultati di prevenzione e deterrenza”.

 

Condividi