Melegnano: fa discutere la mozione presentata in Consiglio Comunale per l’utilizzo della Palazzina Trombini

Melegnano: fa discutere la mozione presentata in Consiglio Comunale per l’utilizzo della Palazzina Trombini

Marzo 23, 2024 0 Di Redazione

A seguito della mozione presentata in consiglio comunale mercoledì 20
marzo per l’utilizzo della Palazzina Trombini di Melegnano, pubblichiamo i
comunicati stampa dei rappresentati di Forza Italia e di Progetto Melegnano
“Rinascimento Melegnanese”.

FORZA ITALIA SOSTIENE IL PREZIOSO LAVORO DELLE ASSOCIAZIONI DELLA
CITTA’, SOSTIENE I GIOVANI E LO SVILUPPO DELL’ATTIVITA’ SPORTIVA E
SOSTIENE GLI ANZIANI. PREDISPOSTA UNA MOZIONE PER L’ISTITUZIONE DEL
GARANTE DEI DIRITTI DEGLI ANZIANI
Il dibattito che si è svolto nella seduta DI Consiglio Comunale del 20 marzo ha portato alla
luce una realtà preoccupante. Nel tentativo, goffo per dire il vero, di mettere in difficoltà
l’amministrazione, una parte della minoranza ha dimostrato, con i fatti, la vera bassa
considerazione che ha del lavoro delle associazioni, culturali, sociali, sportive del territorio.
Per un puro calcolo politico, non avrebbero esitato a sfrattare due associazioni più che
meritevoli per l’attività svolta, una, AMAME, che svolge un’attività senza pari nei confronti
di persone imprigionate in una malattia che offusca la mente, i ricordi, i rapporti, e l’altra,
GM 75, storica associazione sportiva, operante da quasi 50 anni e fondata dall’atleta più
prestigioso che la nostra Città ha avuto nel tempo, l’olimpionico Angelo Vicardi.
Ma non è della figura meschina delle minoranze che vogliamo parlare.
Vogliamo parlare del sostegno di Forza Italia e dei suoi rappresentanti, a partire dal
Sindaco, in Giunta e in Consiglio Comunale, a settori delicati della Città.
LE ASSOCIAZIONI
Forza Italia crede fermamente nella bontà del lavoro svolto dalle associazioni del territorio
e sarà sempre disponibile, attraverso l’Amministrazione Comunale, al sostegno
dell’operato delle stesse, attraverso la concessione di adeguati spazi per lo svolgimento
delle attività e la disponibilità delle strutture comunali per lo svolgimento delle attività
operative.
I GIOVANI E LO SPORT
Forza Italia sostiene lo sport come attività di formazione sia fisica che morale dei giovani.
La carenza di strutture sportive, che ha portato la GM 75 ad adattarsi ad occupare uno
spazio oggettivamente non adatto per un’attività sportiva, richiede una pronta risposta da
parte dell’Amministrazione. I nostri Consiglieri Comunali, con il Sindaco, l’Assessore allo
Sport e l’Assessore al Bilancio si sono già attivati e lo faranno nei prossimi mesi per la
realizzazione di una nuova palestra che verrà destinata per l’attività delle associazioni
sportive attive nel settore della ginnastica artistica.
Allo stesso modo, si adopereranno per la realizzazione di nuovi impianti sportivi per
consentire a tutte le associazioni sportive della Città di avere adeguati spazi per lo
sviluppo delle attività.
GLI ANZIANI
La vita si allunga, la popolazione matura diventa una parte sempre più importante della
Città dal punto di vista demografico, a Melegnano, per esempio, i cittadini di età superiore
ai 65 anni sono 4.269, quasi un quarto della popolazione.
E’ una fase delicata della vita, una parte dei cittadini di questa fascia demografica si trova
in buone condizioni psico fisiche e può essere adeguatamente valorizzata con lo

svolgimento di una vita attiva, un’altra parte, soprattutto con l’avanzare dell’età, presenta
fragilità e una necessità di sostegno sia fisico che psicologico.
Con il contributo dei Seniores di Forza Italia e del Coordinatore cittadino Seniores,
Roberto Modini, i nostri Consiglieri Comunali, Mario Zumbo, capogruppo, Alessandra
Fornesi e Rocco Tripodi, hanno predisposto e depositeranno in questi giorni, una
mozione per l’istituzione della figura istituzionale del GARANTE DEI DIRITTI DEGLI
ANZIANI nel Comune di Melegnano.

PROGETTO MELEGNANO – RINASCIMENTO MELEGNANESE
Nel Consiglio Comunale del 20 marzo 2024, era in discussione una mozione presentata
dai gruppi del Partito Democratico, Sinistra per Melegnano e Insieme Cambiamo, in cui i
tre gruppi proponevano che l’Associazione A.MA.ME – che si occupa di assistenza ai
malati di Alzheimer – lasciasse perentoriamente entro il 31 luglio p.v. gli spazi che occupa
dal 2018 all’interno della palazzina Trombini. Insomma, una richiesta di “sfratto”.
Tutto ciò posto, facciamo un passo indietro per ripercorrere le tappe dell’assegnazione
degli spazi.
Ritenendo estremamente importante il lavoro svolto da A.MA.ME, l’allora Sindaco Bertoli
con la sua Giunta, decisero di concedere all’Associazione due locali del piano terra e l’uso
del giardino, utile per gestire al meglio gli ospiti malati e i loro familiari, della palazzina
Trombini. La delibera di assegnazione fu contrassegnata da un confronto molto aspro in
Consiglio Comunale, dove tutti i consiglieri di minoranza presenti (Bellomo, Caputo,
Pontiggia, Mezzi, Rossi), votarono contro.
Quindi, la decisione di destinare uno spazio ad A.MA.ME fu presa dalla sola maggioranza,
retta dal Partito Democratico, il cui segretario era proprio l’attuale capogruppo PD,
(seppure assente quella sera) che oggi risulta essere tra i firmatari della mozione per
togliere gli spazi ad A.MAME.
Una contraddizione evidente, che dimostra una volta di più la totale subordinazione
dell’attuale PD melegnanese alle politiche di Sinistra per Melegnano, la quale sta tentando
con ogni mezzo di sconfessare la precedente consiliatura, anche adottando politiche goffe
e assurde come questa mozione.
Che ci troviamo infatti di fronte a una scelta fuori da ogni logica è sotto gli occhi di tutti:
questa mozione, una volta portata in Consiglio Comunale, è stata prima emendata dagli
stessi proponenti e dopo la discussione ritirata, dopo le vibranti polemiche e critiche,
anche e soprattutto da parte del pubblico presente durante la seduta.
Del resto, fatichiamo davvero (come restano disorientati i cittadini, del resto) a
comprendere come una coalizione che si dichiara di sinistra possa avere tra i suoi obiettivi
quello di “sfrattare” entro un termine perentorio un’associazione che si occupa di malati di
Alzheimer, senza offrire alcuna concreta soluzione alternativa.
Così come non riusciamo davvero a capire come si concretizzi l’asserito (ma alla prova dei
fatti liquido e vago) contrasto con la destinazione culturale della Palazzina Trombini, posto
a fondamento della richiesta di “sfratto” di A.MA.ME, se si considera che negli ultimi 5
anni, ovvero da quando l’Associazione ha sede lì, sono state realizzate innumerevoli
iniziative culturali fra cui molte proposte dalla stessa A.MA.ME (mostre, esposizioni etc.).

Ora, dopo questa triste vicenda, sarebbe opportuno che i dirigenti della sinistra estrema e
l’attuale segretario PD si dedichino anima e corpo a una fisiologica pensione politica; le
loro strategie hanno fatto e stanno facendo davvero male al sistema politico melegnanese
e stanno impedendo alla nostra Città la formazione di una seria coalizione riformista, che
accolga democristiani, diessini e, soprattutto, il vero Partito Democratico. Praticamente
quello della precedente consiliatura, non quello che sottoscrive questa incomprensibile
mozione.
Sarebbe del resto davvero bello avere un sistema politico dove si possono confrontare
l’attuale maggioranza e una forte coalizione riformista di stampo ulivista svuotata della
sinistra estrema; ne gioverebbe l’alternanza politica.
Ma ritorniamo sull’attuale Sindaco Bellomo.
In Consiglio Comunale ha riconosciuto l’importanza di A.ma.Me, confermando che
rimarranno al Trombini e bene ha fatto la sua maggioranza a riconoscere giusta tale
scelta.
Ma nel 2018 fece di tutto per impedire l’assegnazione degli spazi ad A.ma.ME.
Però diciamolo, anzi urliamolo:
SIAMO STATI NOI CON TUTTI CONTRO A DECIDERE NEL MAGGIO DEL 2018 DI
DESTINARE GLI SPAZI AD A.MA.ME.
Giusto fare chiarezza
Il nostro gruppo anche durante il Consiglio Comunale del 20 marzo 2024, ha ribadito con
forza l’importanza di A.maMe e dei suoi volontari.
Da sempre anteponiamo alle logiche di consenso elettorale, il buon senso ed il BENE
COMUNE.
Possiamo garantire che continueremo sempre in questa direzione.
Votando in Consiglio Comunale tutte le proposte che vadano in questa direzione, chiunque
le proponga.
Melegnano, per noi, è una grande famiglia, una famiglia che ha necessita di un buon
padre di famiglia e non di politici che pensano solo al consenso elettorale.
Con questo comunicato, abbiamo voluto FARE CHIAREZZA.

Eleonora Marino

Condividi