Mario Mantovani a Lodi presenta il suo libro “Vent’anni di civiltà”

Mario Mantovani a Lodi presenta il suo libro “Vent’anni di civiltà”

Aprile 5, 2024 0 Di Redazione

“Vent’anni di Civiltà” è il libro scritto dal senatore Mario Mantovani che sarà
presentato venerdì sera 5 aprile, alle 18.30, presso la Sala Granata di via Solferino 72
a Lodi. Un'occasione per riflettere sulla figura dell’amministratore di sostegno
rivolto ai soggetti più fragili e per comprendere come questa figura si è calata nel
contesto sociale grazie alla legge 6/2004. Nel 2003, infatti, da parlamentare europeo
e relatore nell’anno Europeo della Disabilità, Mantovani si attivò affinché venisse
approvata questa innovativa proposta di legge. <Ho contribuito all’approvazione
della norma che possiamo definire di grande umanità, dignità e libertà per i cittadini
con disabilità – racconta Mantovani – si tratta di una legge che è stata in grado di
ridurre ai minimi termini lo statuto di interdizione e quindi la perdita assoluta dei
diritti dei disabili. La persona interdetta ad esempio non poteva più votare o avere
un conto corrente bancario e questo durava per tutta la sua vita.

Oggi le persone disabili hanno la possibilità di scegliere un amministratore di sostegno, revocabile e
che sia un aiuto costante senza escludere i suoi diritti>;. A distanza di vent’anni
dall’approvazione, il libro propone un’analisi della legge, dal suo iter legislativo
all’applicazione, per confermarne con orgoglio i punti di forza ma anche per
stimolare interventi migliorativi. All’incontro con l’autore parteciperanno l’avvocato
Davide Cavicchi, presidente della Commissione Formazione Continua di Lodi, Patrizia
Baffi, presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia, la psicoterapeuta
dottoressa Francesca Murabito e l’avvocato del Foro di Milano Pier Antonio Rossetti
che afferma <quella di venerì sera è una grande occasione per i cittadini ma anche
per gli addetti ai lavori per sfruttare le potenzialità dell’istituto adeguandolo ai tempi
che cambiano>. L’incontro sarà aperto al pubblico ed è rivolto agli avvocati per il
riconoscimento dei crediti formativi in materia di diritto civile.

Eleonora Marino

Condividi