Sta per nascere un asilo nido ad impatto zero a Colturano

Sta per nascere un asilo nido ad impatto zero a Colturano

Aprile 30, 2024 0 Di Redazione

Una nuova struttura ad impatto zero completerà l’offerta scolastica del
comune di Colturano. Dopo lo stop invernale, proseguono i lavori per la
realizzazione dell’Asilo Nido comunale, alle spalle della scuola dell’infanzia
“G.Rodari” e di fianco alla scuola primaria “A.Manzoni”. Il nuovo plesso, che
sarà consegnato il prossimo autunno,ospiterà fino a 25 bambini e 4 operatori
che potranno accedere da via Manzoni. Realizzato su un piano di circa 172
mq, sarà diviso in due corpi collegati da un corridoio ed sarà caratterizzato da
grandi vetrate che svilupperanno il concetto di scuola all'aria aperta, per
consentire la massima luminosità e per utilizzare il meno possibile la luce
artificiale.

L’Asilo sarà circondato da un’area verde per le attività all’esterno e
sarà protetto da una siepe necessaria per garantire la privacy e dal rumore
della vicina strada provinciale. Si tratta di un edificio ad altissima prestazione
energetica in cui il fabbisogno energetico molto basso o quasi nullo è coperto
in misura significativa da energia da fonti rinnovabili. Una costruzione che
non recherà danni significativi all’ambiente e quindi in linea con i principi di
edilizia e delle norme costruttive ad impatto zero sull’ambiente. Una struttura
ad emissione zero grazie anche all’utilizzo di materiali innovativi rispetto
all’edilizia scolastica del passato, come ad esempio il legno.


<L’amministrazione comunale ha colto l’opportunità del Bando Pnrr per
ampliare l’offerta scolastica ai nostri giovani e per conciliare il tempo famiglia-
lavoro – ha raccontato il sindaco Giulio Guala – è stato un progetto faticoso
ma ne siamo molto orgogliosi, sono stati utilizziati 952 mila euro grazie ai
fondi del Pnrr e diventerà l’opera pubblica più cara mai realizzata a
Colturano.

In questo modo lasceremo alle generazioni future un servizio che
rende ancora più vivibile il nostro paese>. Nel mese di settembre verranno
messe in atto le operazioni di selezione dell’operatore che prenderà in
gestione, dal punto di vista educativo, la struttura per una piena operatività
nel 2025.

Eleonora Marino

Condividi